Arsenale: alla prova dell'iniziato

Pagina 8 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente

Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Matiz il Mar Apr 08, 2014 3:52 pm

Certe volte credo di essere trasparente, il tornio è cinese, marca SIEG, questo:

http://www.siegind.com/products.html

La Sieg lo distribuisce in tutto il mondo con marchi e colori vari, esempio, questo è marchiato Klarke

http://www.machinemart.co.uk/shop/product/details/cl300m-metal-lathe

oppure marca Valex, solita zuppa

e questo è marchiato Fervi

http://www.fervi.com/ita/macchine-e-accessori/macchine-lavorazioni-meccaniche/torni-paralleli/tornio-parallelo-pr-3854.htm

e questo è il mio



non cambia nulla, è il solito tornio fatto in Cina, in Italia non è fatto, nemmeno un pezzo


marioandreoli ha scritto:Ciao Giorgio, grazie per l'informazione ma preferirei un oggetto reperibile in Italia. Mi è stato detto sia che è cinese e che è italiano. Io lo acquisto direttamente dalla Fervi che credo sia italiana. Poi se si fa fare i pezzi in Cina è un altro conto che ha poca influenza.
Cioa
OLI

Matiz

Messaggi : 1415
Data d'iscrizione : 12.03.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Nostromo il Mar Apr 08, 2014 4:03 pm

Che sia fatto in cina non dice un bel niente, anche la Optimum ha una filiale in cina e la mostra con orgoglio, perché i cinesi ti fanno ciò che desideri, il punto è questo: se una ditta chiede di avere una macchina fatta con materiali particolari i cinesi lo fanno, se poi vuoi una macchina fatta con materiali scadenti i cinesi fanno anche quello, è sempre una questione di prezzo, in queste macchine poi è uso che chiunque le voglia produrre usi scocche di quelle rinomate, è il caso degli Austriaci che copiano perfettamente l'Optimum o la Fervi che copia il Sieg, le differenze semmai sono dove non si vede: nei materiali usati per gli ingranaggi, nei motori e anche nella meccanica e da qui le differenze di prezzo, sebbene nel mezzo ci si trovano anche delle vere truffe. Wink

Nostromo
Concilio della Pirateria
Concilio della Pirateria

Messaggi : 3145
Data d'iscrizione : 09.03.12
Età : 58
Località : Osnago

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Roby72 il Mar Apr 08, 2014 4:10 pm

Riccardo gli Austriaci non copiano fanno esattamente come la OPTIMUM fanno fare in cina su loro specifiche, lo puoi leggere sui loro siti, come anche per la Optimum!!  non dimentichiamo che i Cinesi sono molto bravi sia in meccanica che in elettronica, basta pagarli, anche io nel mio piccolo faccio fare in cina su mie specifiche  Very Happy
avatar
Roby72

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 02.02.14
Età : 72
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Matiz il Mar Apr 08, 2014 4:16 pm

Si sta parlando del tornio che ho io, non di altri torni, il mio è marcato Fervi, comprato in Italia ad Udine, e diciamo che conosco abbastanza bene l'iter di questo tornio, questi torni sono di qualità media, soliti componenti meccanici, ingranaggi di plastica, qualcuno ha un pò di elettronica in più, qualcuno ne ha meno, motore da 400 W, qualcuno lo ha da 250W (Valex), ma non cambia niente, per quel prezzo non cambia niente.  

John Silver ha scritto:Che sia fatto in cina non dice un bel niente, anche la Optimum ha una filiale in cina e la mostra con orgoglio, perché i cinesi ti fanno ciò che desideri, il punto è questo: se una ditta chiede di avere una macchina fatta con materiali particolari i cinesi lo fanno, se poi vuoi una macchina fatta con materiali scadenti i cinesi fanno anche quello, è sempre una questione di prezzo, in queste macchine poi è uso che chiunque le voglia produrre usi scocche di quelle rinomate, è il caso degli Austriaci che copiano perfettamente l'Optimum o la Fervi che copia il Sieg, le differenze semmai sono dove non si vede: nei materiali usati per gli ingranaggi, nei motori e anche nella meccanica e da qui le differenze di prezzo, sebbene nel mezzo ci si trovano anche delle vere truffe. Wink
avatar
Matiz

Messaggi : 1415
Data d'iscrizione : 12.03.12
Età : 60
Località : Pisa

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Nostromo il Mar Apr 08, 2014 4:23 pm

Roby72 ha scritto:Riccardo gli Austriaci non copiano fanno esattamente come la OPTIMUM fanno fare in cina su loro specifiche, lo puoi leggere sui loro siti, come anche per la Optimum!!  

Non so come "funziona" ma copiare è sconveniente, è chiaro che ci sia un accordo tra i produttori perché non è possibile che macchinari identici siano di due ditte differenti. Per copiare intendevo ciò.  Very Happy 



matiz ha scritto:... ingranaggi di plastica


Ingranaggi di plastica? Orbene, mi rimangio quanto detto, mi avevano detto che il Fervi era un tornio degno.  :(

Nostromo
Concilio della Pirateria
Concilio della Pirateria

Messaggi : 3145
Data d'iscrizione : 09.03.12
Età : 58
Località : Osnago

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  marioandreoli il Mar Apr 08, 2014 4:50 pm

Scusami Matiz, ma dato che ce l'hai pure tu, per piacere mi dici cosa hai comperato in più. Vorrei acquistarlo con tutto l'occorrente.
Grazie.
Mi sbaglio o la Ferrari si fa fare dei pezzi in Cina?
Per lavoro ho avuto come cliente un industriale che praticava la Cina.
Mi ha raccontato che i cinesi sono fuori della grazia di dio.
C'era un tizio che aveva una porcilaia con 5 -6 maiali si è messo a fare l'industriale.
Nel giro di 2 anni aveva un azienda con più di mille dipendenti!
Guarda te!
Ciao
OLI
avatar
marioandreoli

Messaggi : 220
Data d'iscrizione : 07.02.14
Età : 80
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Roby72 il Mar Apr 08, 2014 4:55 pm

Mario quasi come in Italia! la differenza è che in Italia se hai una ditta con mille dipendenti nel giro di un'anno ti ritrovi con 5 porci come niente  :bounce: 
avatar
Roby72

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 02.02.14
Età : 72
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  marioandreoli il Mar Apr 08, 2014 5:07 pm

E bravo Penelope!
Certo che se continuo così mi ritrovo con un sacco di macchine. Dovrò quindi farle girare! Very Happy 
Ciao
OLI
avatar
marioandreoli

Messaggi : 220
Data d'iscrizione : 07.02.14
Età : 80
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Matiz il Mar Apr 08, 2014 8:17 pm

Ti conviene contattare quel tizio, magari ti trasforma un tornietto cinese in uno Schaublin
marioandreoli ha scritto:Scusami Matiz, ma dato che ce l'hai pure tu, per piacere mi dici cosa hai comperato in più. Vorrei acquistarlo con tutto l'occorrente.
Grazie.
Mi sbaglio o la Ferrari si fa fare dei pezzi in Cina?
Per lavoro ho avuto come cliente un industriale che praticava la Cina.
Mi ha raccontato che i cinesi sono fuori della grazia di dio.
C'era un tizio che aveva una porcilaia con 5 -6 maiali si è messo a fare l'industriale.
Nel giro di 2 anni aveva un azienda con più di mille dipendenti!
Guarda te!
Ciao
OLI
avatar
Matiz

Messaggi : 1415
Data d'iscrizione : 12.03.12
Età : 60
Località : Pisa

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Ospite il Mar Apr 08, 2014 10:15 pm

ciao
ho cercato un articolo di un tizio che faceva vedere come sistemare un tornio cinese, non l'ho trovato ma conto di cercarlo ancora, ha pienamente ragione Tiziano, tutti quanti usano i torni della sieg ognuno con il suo colore, addirittura il tipo dopo averlo smontato faceva vedere che nelle parti piane nascoste, cambiava colore, probabilmente costruiti per una ditta blu poi ordinato da una rossa, senza smontarlo lo verniciano e via.
Scusa Mario a quanto ho inteso non capisci molto di torni e sicuramente non lo sai usare, che differenza fa prendere un tornio o un'altro? Io ho preso un optimum solo perché l'ho trovato d'occasione ma se fosse sieg o qualsiasi altra cosa non capirei la differenza.
Avere la ferrari e non saperla guidare è pericoloso meglio la mia opel.
edo

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Nostromo il Mar Apr 08, 2014 11:09 pm

Comunque e tanto per intenderci, un tornio è messo in vendita completo e pronto per lavorare, tanto di più per i nostri materiali, poi per migliorare certi aspetti si può prendere una torretta a cambio rapido ma non è che con quella in dotazione non lavori, tanto di più uno poco pratico.
Onestamente sentir parlare di ingranaggi in plastica mi viene difficile, aprendo lo sportello del mio tornio di parti in plastica non ne vedo, è tutto in ghisa e acciaio cosi come il tornio che avevo della proxxon, di questi tempi di occasioni se ne trovano a bizzeffe se si vuole una macchina di marca, se invece si vuol spendere poco anche un tornio più o meno pressapoco, con i materiali che lavoriamo noi, va bene e tanto di più per uno che non l'ha mai avuto e che dovrà farsi la sua pratica.  Wink


p.s. Oppure volendo ci si può orientare verso una macchina tipo questa sotto  Very Happy  che è un Tornio da orologiaio, a manovella e ingranaggi, della prima metà del 1800, e fu pubblicato anche su Dalambert e Diderot.
E poi si dice dei modellisti dell'epoca che bla, bla e bla...  pirat  










Nostromo
Concilio della Pirateria
Concilio della Pirateria

Messaggi : 3145
Data d'iscrizione : 09.03.12
Età : 58
Località : Osnago

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Roby72 il Mer Apr 09, 2014 7:44 am

edoardo ha scritto:
.....Avere la ferrari e non saperla guidare è pericoloso meglio la mia opel.
edo

Perdonami Edo se non sono d'accordo con la tua teoria! avendo la Ferrari ( potendosela permettere ) ho sempre la speranza che imparando a guidare posso andare "forte" se ho una topolino viceversa, potrei essere anche meglio di MIchele Sciumachiello ma di andare forte non se ne parla con la Topa  Very Happy 
avatar
Roby72

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 02.02.14
Età : 72
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Matiz il Mer Apr 09, 2014 7:57 am

Hai detto bene, Edo, l'amico di torni non ci capisce una mazza, ho trovato questo link dove si vede un tornietto della sieg:

http://www.cheap-hack.com/home/it/meccanica/utensili/tornio-sieg-c2.html

qui è marchiato Einhell, smontato, e che sotto mantiene il colore originale, e cioè rosso, poi, a seconda del marchio, viene  riverniciato (male) di blu, giallo, verde, bianco, a pallini, zebrato o leopardato, ho potuto confrontare il mio che è marcato Fervi distribuito da Veprug, con quello di un mio amico marcato Einhell, e quello di Luca marcato Valex, ebbene, sono il solito tornio, quello di Luca ha il motore da 250W, il mio e quello di Carlo da 400W, ma i componenti meccanici sono i soliti, a parte una leggera differenza dei comandi dipendente in parte anche dagli aggiornamenti che il tornio ha subito nel corso degli anni, se l'amico si vuole fare una cultura gli metto anche questo link:
http://www.mini-lathe.com/

e questo link per tutti i pezzi di ricambio

https://littlemachineshop.com/info/minilathe.php

un'altra informazione per l'amico, il nostro tornio in questione è il 7x10, poi c'è anche il 7x12 che ha solo la slitta più lunga


edoardo ha scritto:ciao
ho cercato un articolo di un tizio che faceva vedere come sistemare un tornio cinese, non l'ho trovato ma conto di cercarlo ancora, ha pienamente ragione Tiziano, tutti quanti usano i torni della sieg ognuno con il suo colore, addirittura il tipo dopo averlo smontato faceva vedere che nelle parti piane nascoste, cambiava colore, probabilmente costruiti per una ditta blu poi ordinato da una rossa, senza smontarlo lo verniciano e via.
Scusa Mario a quanto ho inteso non capisci molto di torni e sicuramente non lo sai usare, che differenza fa prendere un tornio o un'altro? Io ho preso un optimum solo perché l'ho trovato d'occasione ma se fosse sieg o qualsiasi altra cosa non capirei la differenza.
Avere la ferrari e non saperla guidare è pericoloso meglio la mia opel.
edo
avatar
Matiz

Messaggi : 1415
Data d'iscrizione : 12.03.12
Età : 60
Località : Pisa

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Ospite il Mer Apr 09, 2014 8:05 am

Grazie Tiziano
era il video che cercavo
edo

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  marioandreoli il Mer Apr 09, 2014 8:23 am

Amici, io ho imparato a tornire all I.T.I.S. 60 anni fa. Poi non ho avuto più l'occasione di lavorarci. Ora è facile che mi possa essere utile avere un tornio ed è ovvio che dopo 60 anni (erano torni comunque industriali) le cose siano cambiate tanto che oggi alcuni torni sono gestibili dal computer. Non occorre molto per capire la differenza tra alcune macchine, per esempio la robustezza e la struttura corrispondente  che vede alcuni tipi vibrare più di altri e guarda caso c'è una differenza di peso notevole. Poi la precisione e la formazione del mandrino, della contropunta, della torretta portautensili, del verme  dei  mandrini, dell'avanzamento automatico ecc. Se nel settore automobilistico ci sono tante marche e tipi di macchine c'è una ragione e non è che siano tutte uguali perché hanno la stessa cilindrata, quattro ruote, un volante, un cruscotto e l'autoradio, si distinguono per le loro caratteristiche di comportamento sulla strada. Ovviamente bisogna saperle guidare e per questo si va a scuola guida e ci si impratichisce nel tempo. Perché molti giovani si schiantano con macchine potenti? Pensano di poter domare la macchina solo perché hanno fatto la scuola guida? Questo capita per ogni cosa che non si conosce o si ritiene a torto di conoscere, quindi con un certa umiltà è importante accostarsi alle novità cercando di imparare. Ecco perché ho chiesto aiuto nello scegliere un tornio per il modellismo. Sarà poi mia cura e dovere riprendere poi da dove ho lasciato 60 anni fa.
Importante è l'entusiasmo che spinge l'individuo a erudirsi ed elevarsi.
Una curiosità! Come mai tutti i torni che costano attorno ai 700/1.000 € pesano circa 40 kg se non di più e il Proxxon PD 230 E pesa solo 10 Kg. Essendo la Proxxon una ditta specializzata in macchine per il modellismo ed oltre, non credo faccia un tornio porcheria! Certo che un peso pari a un quarto non è poco! Qualcuno lo ha provato?
Buon modellismo.
OLI
avatar
marioandreoli

Messaggi : 220
Data d'iscrizione : 07.02.14
Età : 80
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  marioandreoli il Mer Apr 09, 2014 11:20 am

Amici ho fatto un'analisi sul tipo di tornio da acquistare. I torni che interessano solo i modellisti si aggirano per costi da 500 a 1.500 €.
Ho pure vito che la maggior parte utilizza il tornio Fervi 0716, o Sieg che sia, con costi attorno ai 700/ 1.000 € con peso 40 Kg.
Alla fin fine se debbo comperare un tornietto per giocherellare e magari realizzare un cannone è meglio che acquisti una cosa più leggera.
Quindi avendo in casa tutto attrezzature Proxxon mi compero il PE 230/E con vasca, torretta per cambio rapido, mandrino per controtesta utensili da taglio e frese che posso benissimo ancorare ad un banchetto di lavoro modesto. Anche la Proxxon fornisce un tornio che pesa 45 Kg simile a molti altri che hanno lo stesso prezzo. Se c'è una differenza di prezzo tra i torni ci deve essere pure una differenza di qualità, che a me non interessa più di tanto per il lavoro che andrei ad eseguire (se mai lo eseguirò) Very Happy Very Happy
Ciao e grazie per le risposte.
OLI 
avatar
marioandreoli

Messaggi : 220
Data d'iscrizione : 07.02.14
Età : 80
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Ospite il Mer Apr 09, 2014 11:23 am

Buona scelta
edo

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Ospite il Mer Apr 09, 2014 11:42 am

Guarda questo sito tedesco ha degli ottimi prezzi io ho comperato la circolare
www.satberlin.de

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Nostromo il Mer Apr 09, 2014 12:24 pm

In effetti, è ben chiaro come scrive Mario che il peso della macchina stabilisce delle caratteristiche di base, ho avuto il tornio Proxxon PD 230 ed è un gioiellino, l'unico reale problema sono le vibrazioni che con un peso di solo 10 kg sono inevitabili e si evidenziano quando si lavorano pezzi di dimensioni particolari, tanto per intenderci non ho avuto problemi ad eseguire i pezzi d'artiglieria del Belle ad 1/24 ma si trattava di cannoni da 4 libbre, mentre ne ho avuti e proprio dalle vibrazioni dell'intera macchina quando ho eseguito un 36 libbre sempre ad 1/24 usando di partenza un fusto d'ottone di 30 mm. di diametro. Non ha caso con la pratica mi orientai poi verso una macchina con un peso maggiore e soprattutto con un foro passante maggiore (21 mm. quello del 180X300, 10,5 mm. quello del PD 230), visto che le alberature sono qualcosa che possiamo lavorare ma senza un foro adeguato non se ne fa nulla e cosi mi decisi di spendere la medesima cifra comprando un Optimum, 180X300, il "minimo" che mi ha offerto tali caratteristiche, sebbene poi l'ho fornito di una torretta professionale a cambio rapido che costa la metà del prezzo dell'intera macchina.
Spassionatamente Mario visto anche che hai una certa pratica, se devi spendere ciò che serve per il PD 230, che ripeto mi comprerei di nuovo e probabilmente in futuro lo farò perché un tornietto per i nostri lavori è sempre indicato, ti consiglio di orientarti verso un Optimum rivolgendoti alla: ITALMACHINES dove l'ho acquistato io, oppure alla: LTF (dove puoi vedere il 180X300), visto che i pezzi di ricambio li fornisce quest'ultima e credo che italmachines rimandi proprio alla LTF per i cataloghi. In definitiva, se sei disposto ad affrontare un badget particolare, questo è il mio consiglio, e sebbene il tuo problema sia il peso per ovvie problematiche di locazione, tieni conto che 55 kg, tale è il peso del 180X300, due persone lo portano tranquillamente su per le scale. Detto questo, ritorno sul tornio "cinese" di cui sopra, è certamente una macchina meno precisa e assemblata con materiali facilmente deteriorabili, vedi ingranaggi in PVC ma bisogna tener conto che per i materiali che lavoriamo noi, va più che bene, e alla fine quel che decide è le possibilità di acquisto che ciascuno può permettersi e si acquista per 600 euri: Einhell BT-ML 300


Ultima modifica di John Silver il Mer Apr 09, 2014 12:51 pm, modificato 1 volta (Motivazione : inserimento link)

Nostromo
Concilio della Pirateria
Concilio della Pirateria

Messaggi : 3145
Data d'iscrizione : 09.03.12
Età : 58
Località : Osnago

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Nostromo il Mer Apr 09, 2014 12:33 pm

edoardo ha scritto:Guarda questo sito tedesco ha degli ottimi prezzi io ho comperato la circolare
www.satberlin.de

Un buon risparmio a quanto sembra, dal mio catalogo di diversi anni fa costa poco meno di 1000 euro, sebbene poi per "completarlo" altri 300-400 euro bisogna impiegarli.  Wink

Nostromo
Concilio della Pirateria
Concilio della Pirateria

Messaggi : 3145
Data d'iscrizione : 09.03.12
Età : 58
Località : Osnago

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  marioandreoli il Mer Apr 09, 2014 1:17 pm

Grazie ragazzi, ma se comprerò un tornio comprerò il Proxxon PD 230/E da Olivero modellismo di Torino che è un amico e mi concede buoni sconti.
Chissà mi sento come in barca che va con la corrente e che fai fatica a dirigere. Very Happy  Very Happy 
Ciao e grazie ma tutti.
OLI
avatar
marioandreoli

Messaggi : 220
Data d'iscrizione : 07.02.14
Età : 80
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Roby72 il Mer Apr 09, 2014 1:32 pm

Io prenderei in seria considerazione anche questo! http://www.toolsandco.it/it/bernardo-tornio-hobby-300-vd/s/1824/2/172/
avatar
Roby72

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 02.02.14
Età : 72
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  marioandreoli il Mer Apr 09, 2014 1:40 pm

Ciao Amedeo, hai pure ragione ma 40 Kg, che poi è il peso di tutti i torni di questa categoria, per me sono troppi anche perché poi dovrei sistemarlo su una base ben solida. Quindi per quello che dovrò fare io, sempre se riuscirò a fare qualche cosa, il Proxxson PD/230/E credo che sia l'ideale in quanto lo posso appoggiare su un mobiletto qualsiasi ed è di facile rimozione. Intanto mi doto anche del tornio, sarà un incentivo per provarci!
Ciao
OLI
avatar
marioandreoli

Messaggi : 220
Data d'iscrizione : 07.02.14
Età : 80
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Roby72 il Mer Apr 09, 2014 1:51 pm

OK Mario, ognuno conosce bene la propria situazione oltre all'esigenza, io mi baso solo sul sul rapporto prezzo prestazioni, e per me 40 kg non sono un problema! quindi fai bene a scegliere come credi,
per il provarci, guai a te se non ci provi  Very Happy 
avatar
Roby72

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 02.02.14
Età : 72
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Nostromo il Mer Apr 09, 2014 2:00 pm

E' una buona macchina il PD 230/E, come t'ho scritto la riacquisterei rapido, invece e tanto pourparler sto diventando matto per sostituire al mio tornio, l'interruttore di emergenza e relè di minima tensione con fungo emergenza e il portafusibile per montaggio a pannello, i quali si sono "terminati" perché, obbiettivamente, li ho usati malamente, almeno il primo, mentre il secondo si è spaccato nello smontare i vari pannelli e cercar di capire perché la macchina non andava.
Finalmente dopo diverse ricerche li ho identificati visto che l'elettronica non è contemplata nel manuale d'uso (foto sotto) e li posso ordinare proprio alla LTF.  Rolling Eyes




Nostromo
Concilio della Pirateria
Concilio della Pirateria

Messaggi : 3145
Data d'iscrizione : 09.03.12
Età : 58
Località : Osnago

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  marioandreoli il Mer Apr 09, 2014 2:02 pm

Grazie Amedeo, dai che ce la facciamo! 'remengo i invidiosi Very Happy :P 
Ciao
OLI
avatar
marioandreoli

Messaggi : 220
Data d'iscrizione : 07.02.14
Età : 80
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Arsenale: alla prova dell'iniziato

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 8 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum